Gone Girl, Big Hero 6, St. Vincent, The Rover, Il ragazzo invisibile, Lo Hobbit: La battaglia delle cinque armate – Ricciotto 91

Pubblicato mercoledì 24 dicembre 2014

La più lunga nella storia di Ricciotto affronta 6 film insieme a due ospiti d’eccezione: Gianluca Didino, che abbiamo citato parlando di Cloud Atlas (AmazoniTunes) e Fabio “Faz” Deotto, che conduce Chaki Chaki.

Si parte con Gone Girl – L’amore bugiardo, che secondo Aldo ha un sacco di cose da dire ma che con uno sforzo in più avrebbe potuto dirle meglio. A contorno del discorso, il pezzo scritto da Pietro Bianchi per doppiozero e un rimando a quel gran film che è Winter Sleep, di cui abbiamo parlato nella puntata 81 di Ricciotto.

Spazio poi all’animazione di casa Disney, con Big Hero 6 che conferma il rinascimento del Topo (e lo stallo di Pixar) e che regala un po’ di sano e fresco intrattenimento senza però essere al livello di Frozen.

Arriva poi il momento in cui Matteo può esaltarsi perché il suo attore preferito (Bill Murray) è il protagonista di St. Vincent, commedia ben confezionata, anche se convenzionale, che brilla alta nel cielo grazie, indovinate?, a Bill Murray.

Parliamo anche di The Rover, pellicola passata ingiustamente sotto silenzio e ormai non più nelle sale, che il nostro Faz Deotto inserisce con abile mossa in un discorso più ampio sullo stato della fantascienza, delle distopie e delle utopie narrative – affiancato in questo da Gianluca Didino, che non vedeva l’ora di parlarne.

Si torna al cinema con Il ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores, che secondo Aldo non è brutto come molti hanno detto, anche se non riesce a trovare il suo parkour (per capire bisogna ascoltare) e nonostante lo sguardo da papà sul mondo dei tredicenni – l’esatto opposto di quanto visto nell’ottimo *Thirteen – 13 anni* (AmazoniTunes).

Sforiamo le due ore di puntata facendo l’ultima passeggiata nella Terra di Mezzo. Lo Hobbit: la battaglia delle cinque armate è il miglior film della trilogia perché riesce a essere infedele al romanzo di Tolkien. C’entra nulla l’elfa Tauriel, che continua a essere pessima: è una questione di tono. (Tra l’altro, l’avete visto Martin Freeman che fa il dito medio?)

Argomenti

Big Hero Six bill murray fabio deotto Gianluca Didino Gone Girl Il ragazzo invisibile la trasmissione lo hobbit Pixar ricciotto The Rover

Querty
Aggiornato il 24 dicembre 2014