Laura Jane Grace: Come sopravvivere con la musica

Pubblicato lunedì 3 ottobre 2016

“Puoi dimenticare il tuo nome, e non c’è bisogno di chiedere scusa.”
Così cantava Laura Jane Grace sei anni fa, quando ancora gli Against Me! non erano la punk band più chiacchierata del momento. Era il 2010, i tempi di White Crosses, un disco di solidità marmorea, dieci perle di folk-punk distorto e incazzato levigate con cura da Butch Vig, il disco del botto, quello che ha rastrellato il grosso dei fan che ora si accalcano ai concerti. Ai tempi, nessuno poteva immaginare cosa Laura Jane Grace intendesse dire con frasi come quella, e questo perché ai tempi Laura Jane Grace non era la stessa persona di oggi.

Against me! – Transgender Dysphoria Blues

Argomenti

against me Dysphoria laura jane grace punk rock Tom Gabel transgender
Un podcast di

Querty
Aggiornato il 3 ottobre 2016